postheadericon L'Alimentazione nei gatti anziani

L’alimentazione nei gatti anziani


Dai sette anni in su un gatto inizia a mostrare dei cambiamenti dovuti all'età che comportano anche cambiamenti nel sistema immunitario,metabolico e della struttura corporea.Alcuni sono inevitabili ma per altri li possiamo aiutare con una dieta adeguata.
- A partire dai 7 anni riduciamo le calorie e cerchiamo di dare dei cibi più adatti alla loro età.Se non potete cucinare a casa (poi vi metterò delle ricette per gatti anziani) date loro alimenti senior.
-Tenete sotto controllo il peso non fatelo mangiare in eccesso e dategli cibi con poco grasso
-Un gatto invecchiando inizia ad avere problemi di salute tra cui deterioramente di pelle e mantello,perdita di massa muscolare,problemi intestinali,artrite,obesità,problemi denti/gengive,abbassamento delle difese immunitarie.
Dato che il gatto con il passare dell'età cambia metabolismo e quindi tende ad accumulare grasso,sia per il metabolismo ma anche per una ridotta attività fisica è importante che gli si dia del cibo leggero senza grasso ma con un livello proteico normale in modo che possa compensare la perdita muscolare.
Può essere utile somministrare al gatto degli antiossidanti come vitamina E e betacarotene che non solo eliminano i radicali liberi ma li aiutano anche ad aumentare la risposta del sistema immunitario.

E' fondamentale controllarlo più spesso e portarlo periodicamente dal vet anche se gli vanno evitati gli stress e cambiamenti repentini

 

Notizie flash

Un cucciolo a casa

UN CUCCIOLO A CASA


Portare a casa un cucciolo, è un’idea piacevole che alletta tanti ma che porta anche una serie di preoccupazioni legate alla trasmissione delle malattia oppure all’eventualità che un bimbo presente in casa o in arrivo possa sviluppare forme allergiche a causa della presenza dell’animale.
Il rapporto tra bambini e cuccioli è un rapporto complesso e ricco allo stesso tempo ,ma il genitore ha il compito di seguire questa prima fase di conoscenza tra i due  però bisogna sfatare la paura che un cucciolo possa portare danni alla salute,rispettando naturalmente le norme minime d’igiene  e prevenzione. La Pet therapy anzi ha un effetto terapeutico sulla salute dei bambini,sembra addirittura che un cane in casa riduca i rischi di allergie infantili.Lo studio in questione è stato pubblicato sull’European Respiratory Journal ,da un centro ricerche di Monaco per la salute ambientale.Lo studio è stato effettuato su  novemila bambini osserrvati per un arco di tempo di sei anni. Si è dedotto che a contatto con un cane il sistema immunitario dei bambini è meno vulnerabile,riducendo così il pericolo di allergie e questo proprio grazie alla presenza costante di batteri e germi che rinforzerebbero il sistema immunitario.
Si sono registrate notevoli riduzioni nei casi di asma, eczema e febbre da fieno, nei bambini che possedevano un animale domestico, ma questo vale per chi ha un contatto continuo,giornaliero con l’animale,non sono state rilevate differenze significative per chi aveva contatti sporadici con gli animali.

NEWS FEED

TGVET
il primo notiziario veterinario on-line, salute animale articoli medici clinica veterinaria animali cani gatti malattie ortopedia protesi totale anca tta tpo dpo tplo osteosintesi cardiologia ortopedia dermatologia
  • Avvelenamento da Metaldeide
    L’avvelenamento, accidentale o doloso, da metaldeide nel cane rappresenta un’emergenza da cui l’animale difficilmente si salva. La metaldeide viene utilizzata come molluschicida, vale a dire un prodotto impiegato contro i gasteropodi terrestri nocivi per le colture come le chiocciole e le lumache, e come ingrediente fondamentale delle tavolette usate come combustibile da campeggio. In commercio
  • Neoformazioni palpebrali
    Le neoplasie delle palpebre sono piuttosto comuni nei cani mentre più raramente vengono osservate nel gatto. Per fortuna, il 75% delle forme che si manifestano nel cane sono benigne e anche le forme istologicamente maligne metastatizzano sporadicamente. Il problema principale di questo tipo di neoformazioni è rappresentato soprattutto dalla recidiva locale. Nel gatto invece i tumori palpebrali
  • Filariosi Occulta come fare la diagnosi
    Parliamo oggi di come può essere diagnosticata la filariosi cardio-polmonare nel cane e nel gatto. Iniziamo con la filarial nel cane. Cane La filariosi cardiopolmonare del cane può essere diagnosticata tramite test ematici in grado di rilevare la presenza delle microfilarie nel sangue (sono I piccolo delle filarie che vengono partoriti dopo l’accoppiamento, forme dette L1) o degli antigeni
  • Il diabete nel cane: il monitoraggio
    Torniamo a parlare del diabete mellito nel cane parlando dei monitoraggi che devono essere fatti in corso di terapia insulinica. Come già detto in precedenza per quanto riguarda il gatto anche per il cane il monitoraggio deve essere studiato e adattato in base alla risposta del singolo paziente. In linea di massima durante il primo mese di terapia devono essere eseguiti ogni 7-10 giorni un
  • L’ernia diaframmatica nel Cane e nel Gatto
    L’ernia diaframmatica è una situazione patologica in cui nel diaframma si apre una soluzione di continuo per cui alcuni visceri addominali possono dislocarsi in cavità toracica. Può essere di tipo: -Traumatico: Patologia piuttosto frequente, soprattutto nei piccoli animali. Il punto esatto e le dimensioni della lacerazione dipendono dalla posizione che aveva l’animale al momento

Diritti e protezione animali

Log in



Per inviarci un articolo registrati e poi clicca sull'icona che compare alla fine degli articoli nella sezione che avrai scelto, si aprirà un editor di testo.Scrivi la tua storia,ed inviala.Sarà pubblicata dopo qualche giorno. Se hai dei dubbi invia una mail all'amministrazione.

.