postheadericon L'Alimentazione nei gatti anziani

L’alimentazione nei gatti anziani


Dai sette anni in su un gatto inizia a mostrare dei cambiamenti dovuti all'età che comportano anche cambiamenti nel sistema immunitario,metabolico e della struttura corporea.Alcuni sono inevitabili ma per altri li possiamo aiutare con una dieta adeguata.
- A partire dai 7 anni riduciamo le calorie e cerchiamo di dare dei cibi più adatti alla loro età.Se non potete cucinare a casa (poi vi metterò delle ricette per gatti anziani) date loro alimenti senior.
-Tenete sotto controllo il peso non fatelo mangiare in eccesso e dategli cibi con poco grasso
-Un gatto invecchiando inizia ad avere problemi di salute tra cui deterioramente di pelle e mantello,perdita di massa muscolare,problemi intestinali,artrite,obesità,problemi denti/gengive,abbassamento delle difese immunitarie.
Dato che il gatto con il passare dell'età cambia metabolismo e quindi tende ad accumulare grasso,sia per il metabolismo ma anche per una ridotta attività fisica è importante che gli si dia del cibo leggero senza grasso ma con un livello proteico normale in modo che possa compensare la perdita muscolare.
Può essere utile somministrare al gatto degli antiossidanti come vitamina E e betacarotene che non solo eliminano i radicali liberi ma li aiutano anche ad aumentare la risposta del sistema immunitario.

E' fondamentale controllarlo più spesso e portarlo periodicamente dal vet anche se gli vanno evitati gli stress e cambiamenti repentini

 

Notizie flash

Principi attivi contenuti negli antiparassitari per i cani

PRINCIPI ATTIVI CONTENUTI NEGLI ANTIPARASSITARI PER CANI

Fipronil: nel maggio 2003, il DGAL (ministère de l'Agriculture di Générale de l'Alimentation du di senso) ha indicato un caso della mortalità dell'ape osservato in Francia del sud relativa alla tossicità acuta di Fipronil.L'avvelenamento da fipronil porta vomito e convulsioni e sembra come scritto in un foro francese che a lungo andare può essere cancerogeno,più tossico per i gatti che per i cani.

Permetrina:la permetrina è molto tossica per i gatti ,anche piccole dosi possono portare a convulsioni e morte.

Deltametrina: Classificata come moderatamente tossica dall'OMS,ma nei prodotti commercializzati in Italia è classificato come nocivo o non classificato.
Negli ultimi anni le autorizzazioni ministeriali di alcuni preparati a base di deltametrina, utilizzati in prevalenza in agricoltura, sono state oggetto di revoca ai fini della riclassificazione. La deltametrina viene attualmente utilizzata anche in prodotti disinfestanti ad uso civile, in conformità con la nuova normativa sui biocidi.
Amitraz è il peggiore,sembra che ora in Italia ne sia stato proibito l'uso. Ai cani può dare degli effetti collaterali come mancanza di appetito,letargia e vomito oppure effetti più seri ed a volte anche mortali se l'animale risulta essere sensibile a questo tipo di droga.Può anche portare all'aumento di glucosio nel sangue.Un gatto non dovrebbe mai venire a contatto con un cane che porta un collare in cui è presente come composto chimico Amitraz.

NEWS FEED

TGVET
il primo notiziario veterinario on-line, salute animale articoli medici clinica veterinaria animali cani gatti malattie ortopedia protesi totale anca tta tpo dpo tplo osteosintesi cardiologia ortopedia dermatologia
  • Nefropatia cronica felina (CKD): terapia
    Concludiamo oggi il discorso sulla nefropatia cronica felina parlando di terapia. La malattia renale cronica felina tende invariabilmente ad evolvere ad insufficienza renale cronica, una condizione in grado di compromettere in maniera importante il benessere dell’animale. Una diagnosi precoce, con corretta stadiazione, e un precoce intervento terapeutico possono allungare notevolmente i tempi
  • Avvelenamento da Glicole Etilenico
    L’avvelenamento da glicole etilenico nel cane e nel gatto provoca gravi intossicazioni, spesso mortali. Il glicole etilenico è una sostanza incolore, inodore e dal sapore dolciastro contenuta nei liquidi antigelo per i radiatori delle automobili, nei liquidi di sviluppo fotografici e nei solventi per vernici: si tratta quindi di un prodotto facilmente reperibile e particolarmente appetibile,
  • Crescita congiuntivale aberrante nel coniglio
    La crescita congiuntivale aberrante del coniglio è nota anche come iperplasia congiuntivale circonferenziale, membrana congiuntivale o pseudopterigio. La condizione è in realtà poco conosciuta e sembra essere limitata al coniglio. La patologia si manifesta con la presenza di una membrana vascolare rosa e carnosa che origina dalla periferia della cornea e si estende verso il centro, fino a formare
  • Terapia della Filariosi Cardiopolmonare
    Nella terapia della filariosi cardiopolmonare del cane si possono considerare tre tipi di terapia: - una per distruggere le microfilarie L1 (i piccoli che circolano nel sangue) - una terapia per bloccare la crescita delle forme infestanti L3 (quelle inoculate dalla zanzara) che corrisponde alla prevenzione - una terapia adulticida per eliminare i parassiti adulti. Quella che più ci
  • Wolbachia e Filariosi Cardiopolmonare
    Wolbachia è un batterio gram negativo, endosimbionte obbligato (per soppravvivere deve parassitare un ospite) che riveste una notevole importanza per la filariosi cardiopolmonare del cane e del gatto. Wolbachia infetta una grande varietà di specie che poi parassitano l'uomo o gli animali animali domestici: • i nematodi, vermi parassiti, responsabili delle filariosi linfatiche, dei quali

Diritti e protezione animali

Log in



Per inviarci un articolo registrati e poi clicca sull'icona che compare alla fine degli articoli nella sezione che avrai scelto, si aprirà un editor di testo.Scrivi la tua storia,ed inviala.Sarà pubblicata dopo qualche giorno. Se hai dei dubbi invia una mail all'amministrazione.

.