postheadericon L'Alimentazione nei gatti anziani

L’alimentazione nei gatti anziani


Dai sette anni in su un gatto inizia a mostrare dei cambiamenti dovuti all'età che comportano anche cambiamenti nel sistema immunitario,metabolico e della struttura corporea.Alcuni sono inevitabili ma per altri li possiamo aiutare con una dieta adeguata.
- A partire dai 7 anni riduciamo le calorie e cerchiamo di dare dei cibi più adatti alla loro età.Se non potete cucinare a casa (poi vi metterò delle ricette per gatti anziani) date loro alimenti senior.
-Tenete sotto controllo il peso non fatelo mangiare in eccesso e dategli cibi con poco grasso
-Un gatto invecchiando inizia ad avere problemi di salute tra cui deterioramente di pelle e mantello,perdita di massa muscolare,problemi intestinali,artrite,obesità,problemi denti/gengive,abbassamento delle difese immunitarie.
Dato che il gatto con il passare dell'età cambia metabolismo e quindi tende ad accumulare grasso,sia per il metabolismo ma anche per una ridotta attività fisica è importante che gli si dia del cibo leggero senza grasso ma con un livello proteico normale in modo che possa compensare la perdita muscolare.
Può essere utile somministrare al gatto degli antiossidanti come vitamina E e betacarotene che non solo eliminano i radicali liberi ma li aiutano anche ad aumentare la risposta del sistema immunitario.

E' fondamentale controllarlo più spesso e portarlo periodicamente dal vet anche se gli vanno evitati gli stress e cambiamenti repentini

 

Notizie flash

Colite ed IBD
COLITE
Che cosa è  la colite?
La colite significa l'infiammazione del colon. Il colon fa parte del sistema digestivo. Le feci sono immagazzinate qui ed il colon inoltre digerisce le sostanze nutrienti che non sono state assorbite. Cause
Un attacco acuto di colite può essere causato da stress o da una dieta povera. La colite cronica può essere causata da un virus o dai parassiti; può anche essere associata con l'IBD. Anche le allergie alimentari possono  causare  colite.
Sintomi
Il sintomo più comune della colite è  la diarrea, spesso con la presenza di sangue rosso vivo.Il gatto/cane può avere il bisogno impellente di correre a fare i bisogni anche se il quantitativo non sarà poi eccessivo ed a volte potrà risultare viscoso. La colite può essere acuta o cronica, ma neppure la versione cronica è associata normalmente con perdita di peso.
Diagnosi
Il veterinario in presenza di questi sintomi (diarrea,sangue nelle feci ecc.)probabilmente vorrà esaminare il vostro animale per escludere altri tipi di patologie.Si farà anche un controllo di un campione fecale per escludere o meno la presenza di parassiti o batteri. In alcuni casi si può anche richiedere una biopsia.
Trattamenti Anti-infiammatori
Un antibiotico con il metronidazolo come principio attivo  (Flagyl) può essere somministrato in alcuni casi in quanto è  un antinfiammatorio che però può uccidere i parassiti quale giardia. Ha un sapore assolutamente ripugnante per cui nel caso vi venga prescritto somministratelo in una capsula di gel.
Fruttoligosaccaridi
I (FOS) sono dei carboidrati complessi che sono fermentati dai batteri nel colon. Promuovono lo sviluppo di batteri buoni nei due punti ed inibiscono lo sviluppo di  batteri cattivi. I FOS hanno attività anche antinfiammatoria
Fibra
La fibra può aiutare  sia nei casi di  diarrea che di costipazione, recentemente un gruppo di ricercatori olandesi ha scoperto che il Pysillium è utile nei casi di colite mentre fra le fibre la crusca non solo non sarebbe di aiuto ma peggiorerebbe la situazione.
Dieta ad eliminazione. Se il vostro veterinario  sospetta che  la colite è causata dalle allergie alimentari allora si può provare una dieta ad eliminazione.Si somministra inizialmente un tipo di proteina che l'animale non aveva mai mangiato e poi dopo un mese se ne aggiunge una nuova e poi ancora dopo un mese un'altra fino a scoprire quale  è la proteina verso la quale il nostro amico è allergico/intollerante.Da qualche anno si evidenzia un aumento delle allergie dovute al pollo,sembra che la causa sia dovuta alla peculiarità degli allevamenti.
Steroidi
Il veterinario suggerirà occasionalmente gli steroidi.
IBD (Intestinal bowel deseases )
Che cosa è l'IBD ? L' IBD accade quando cellule deputate alla difesa dell'organismo            in (quali gli eosinofili)attaccano  il rivestimento del tratto gastrointestinale, causandone un ispessimento . Se questo accade nel colon , provoca la colite. Tuttavia, la colite non è causata sempre da IBD.
Cause
IBD è causato in alcuni casi da un allergene, ma in molti casi la causa è sconosciuta. I veterinari non ricercano spesso a fondo le cause anche perchè a volte sono di natura sconosciuta.
Sintomi
Questi possono variare a seconda  della  parte del tratto gastrointestinale coinvolto. Se il colon è coinvolto si avrà colite con sangue vivo. Se ad essere coinvolto è lo stomaco si avrà  vomito. Problemi nella parte bassa dell'intestino tenue  causeranno  diarrea acquosa e perdita di peso. Alcuni animali avranno tutti questi sintomi perchè più zone saranno coinvolte. Naturalmente i il vomito o diarrea occasionale non significa IBD, ma con IBD il problema sarà cronico, anche se a voltei problemi compariranno solo ad intermittenza.
Diagnosi
Le analisi del sangue spesso saranno normali, anche se  la  ALT(un enzima del fegato) può essere ,questo accade spesso nei casi di IBD perché flussi sanguigni arrivano  al fegato dal tratto gastrointestinale. Nei casi gravi i livelli della proteina totale (PT) nel sangue possono essere bassi perché l'albumina (una componente di proteina totale) può filtrare nell'intestino a causa dell'infiammazione.  In più del 50% dei casi di IBD, si presenta ispessimento intestinale
Tuttavia l'unico modo per essere sicuri della patologia è quello di effettuare una biopsia intestinale.La biopsia può essere effettuata chirurgicamente o in via endoscopica,ad ogni modo in entrambi i casi c'è bisogno dell'anestesia per cui si effettuerà solo come ultima risorsa.
Cure
Dieta ad eliminazione.Anche nel caso dell'IBD potrebbe essere utile effettuare una dieta ad eliminazione.Se sospettate che l'IBD possa essere la conseguenza di un'intolleranza/allergia alimentare provate come per la colite ad eliminare tutte le proteine che siete soliti somministrare,iniziate a somministrare una proteina di tipo diverso e poi una per volta introducete le proteine che il vostro animale è abituato a mangiare finchè non troverete quella a cui è allergico.ALcune persone hanno trovato miglioramenti nel somministrare cibo crudo ma anche in questo caso fatevi consigliare perchè cani/gatti hanno bisogno di pasti con contenuti proteici adeguati e non si può improvvisare .Il ruolo della dieta nell?IBD è fondamentale.
Antinfiammatori
Anche nel caso dell'IBD il veterinario può prescrivere un farmaco antinfiammatorio che contiene come principio attivo il metrodinazolo (Flagyl)
Fibre
Anche qui è valido lo stesso discorso della colite;il Psyllium è d'aiuto mentre la crusca può essere dannosa.
Steroidi
Uno steroide comunemente usato è il prednisone o prednisolone.I gatti metabolizzano meglio il prednisolone che il prednisolone,per cui è meglio somministrare direttamente quest'ultimo.
Il veterinario potrebbe decidere di partire da un dosaggio alto per ridurre l'infiammazione e poi ridurre piano piano fino a passare ad una dose di mantenimento.La somministrazione degli steroidi non deve essere mai sospesa di colpo,ma sempre diminuita a poco a poco.
Questo perchè i corticosteroidi possono influenzare il funzionamento delle ghiandole surrenali e la capacità di produrre naturalmente il cortisone,così ridurre a poco a poco la dose minimizza il rischio di provocare un insufficienza surrenale.Purtroppo i corticosteroidi a lungo andare possono avere degli effetti secondari seri (diabete,ritenzione di liquidi,ipertensione e mascherare infenzioni in corso ).I corticosteroidi non possono essere utilizzati normalmente in soggetti diabetici.Un altro problema a cui si potrebbe andare incontro in caso di sospetto IBD ,senza aver ottenuto una diagnosi definitiva, è che il cane/gatto potrebbe avere una forma di cancro chiamata linfoma e l'uso dei corticosteroidi potrebbe ritardare la diagnosi.Se il vostro cucciolo va incontro a scompensi cardiaci dopo una settimana dall'inizio della somministrazione dei corticosteroidi allora questi potrebbero essere la causa.Uno studio :" Corticosteroid-associated congestive heart failure in 12 cats (2004) Smith SA, Tobias AH, Fine DM, Jacob KA, Ployngam T The International Journal of Applied Research in Veterinary Medicine 2 (3) pp159-170" ha dimostrato che alcuni gatti hanno avuto scompensi cardiaci dopo solo una settimana di somministrazione di steroidi ,la ricerca si è svolta su di un campione di 12 gatti di cui 5 sono morti,ma i 7 sopravvissuti una volta finita la somministrazione di steroidi sono tornati alle condizioni normali.
GLUTATIONE
Il glutatione è un aminoacido che ha effetti antinfiammatori sul tratto gastrointestinale.E' possibile che gatti con IBD non producono glutatione a sufficienza e questo potrebbe essere un fattore predisponente allo sviluppo dell'IBD per cui la somministrazione del glutatione potrebbe essere utile per gli animali colpiti da IBD.E' stato anche visto che un aumento dei livelli di glutatione migliora la funzione della mucosa intestinale in malati di colite.Uno sperimento con glutatione ed enzima Q 10 è stato fatto in cavie con IBD e si è riscontrato che i sintomi durante le fasi acute di IBD sembravano migliorare anche se le cavie in seguito hanno avuto altre ulcerazioni.
IBD e cancro
Sembra che ci sia un collegamento tra l'IBD e lo sviluppo del cancro.
Sembra che molti animali che soffrivano di IBD abbiano poi sviluppato un linfoma intestinale:La presenza anche se a fase intermittenti di infiammazioni e sangue nelle feci dovute ad un ulcerazione del colon a sua volta provocata o da una situazione di stress o dalla presenza di virus/parassiti oppure allergie alimentari sembra portare nel tempo allo sviluppo del linfoma:L'IBD può dare anche problemi di pelle se collegato ad allergie alimentari.Un altro elemento che può far pensare all'IBD è la presenza di livelli elevati di ALT (enzima del fegato.
 
 

NEWS FEED

TGVET
il primo notiziario veterinario on-line, salute animale articoli medici clinica veterinaria animali cani gatti malattie ortopedia protesi totale anca tta tpo dpo tplo osteosintesi cardiologia ortopedia dermatologia
  • Il paziente diabetico incontrollato
    Con questo articolo concludiamo il nostro percorso attraverso una delle più comuni endocrinopatie: il diabete mellito. Il paziente diabetico incontrollato è quello in cui i segni clinici non si riescono a tenere sotto controllo. Possono essere presenti ipoglicemia, iperglicemia, insulino resistenza o possono essere necessari frequenti cambi di dosaggio per ottenere il controllo. In tutti
  • Il Tumore Mammario nella Cagna
    Il tumore della mammella è un tumore che ha origine dalla ghiandola mammaria. Si tratta di un reperto comune nei soggetti più anziani di sesso femminile non sterilizzati. I tumori mammari possono essere di piccole dimensioni, possono presentarsi in noduli semplici o grandi, possono anche essere aggressivi e dare metastasi. Con la diagnosi precoce e il trattamento immediato, anche alcuni dei
  • Ecografia nei Piccoli Animali
    L’indagine ecografica pur essendo una tecnica d’immagine relativamente recente sta dimostrandosi anche nella pratica clinica veterinaria una metodica di fondamentale importanza grazie alle sue ampie possibilità applicative diagnostiche e ad alcuni vantaggi che essa presenta nei confronti delle tecniche d’immagine tradizionali. L’ultrasuono viene prodotto da energia di tipo meccanico e
  • Nefropatia cronica felina (CKD): conseguenze e progressione
    Proseguiamo oggi il discorso sulla nefropatia cronica felina valutando le conseguenze derivanti dal progressivo malfunzionamento dei reni e i fattori che possono favorirne l'aggravamento. La graduale diminuzione della velocità di filtrazione glomerulare (GFR) insita nella CKD porta ad un peggioramento dei sintomi clinici e all'insorgenza di complicazioni che possono, a loro volta, rendere la
  • Avvelenamento da Metaldeide
    L’avvelenamento, accidentale o doloso, da metaldeide nel cane rappresenta un’emergenza da cui l’animale difficilmente si salva. La metaldeide viene utilizzata come molluschicida, vale a dire un prodotto impiegato contro i gasteropodi terrestri nocivi per le colture come le chiocciole e le lumache, e come ingrediente fondamentale delle tavolette usate come combustibile da campeggio. In commercio

Diritti e protezione animali

Log in



Per inviarci un articolo registrati e poi clicca sull'icona che compare alla fine degli articoli nella sezione che avrai scelto, si aprirà un editor di testo.Scrivi la tua storia,ed inviala.Sarà pubblicata dopo qualche giorno. Se hai dei dubbi invia una mail all'amministrazione.

.